domenica 26 aprile 2015

So che per il corpo vagano pensieri scalzi

Credo che in tutto il corpo abitino dei pensieri, anche se non tutti arrivano fino alla testa e si vestono di parole.

So che per il corpo vagano pensieri scalzi.

Quando gli occhi sembrano assenti perché lo sguardo è sperduto e l'intelligenza si è ritirata per qualche istante e li ha lasciati vuoti, e mente i pensieri della testa deliberano a porte chiuse, i pensieri scalzi salgono lungo il corpo e si installano negli occhi.

Da lì cercano un oggetto su cui fissare lo sguardo e sembrano serpenti che ipnotizzano degli uccelli.

Ipnotizzano anche i pensieri che sono in riunione e che devono interrompere le loro deliberazioni.

Felisberto Hernàndez (1902-1964), scrittore di Montevideo in Italia tradotto da La Nuova Frontiera

Nessun commento:

Posta un commento