giovedì 25 luglio 2013

Invidia per l'Islanda: con la crisi comprano più libri

Un famoso proverbio islandese dice: "Cieco è colui che non legge".

"In Islanda tutti, a Natale, ci scambiamo libri", conferma Audur Ava Olafsdottir, una delle più grandi scrittrici viventi.

"Poi, certo", continua, "mica li leggiamo tutti. Ma pensi che, nonostante la grave crisi del 2008, oggi gli islandesi comprano più libri e frequentano di più teatri e concerti"

(da Antonello Guerrera, Il vero segreto? Sconfiggere la crisi con lo humour, Repubblica del 16 luglio 2013)

Nessun commento:

Posta un commento