martedì 2 luglio 2013

Inseguendo il Carso di Scipio Slataper

Vorrei dirvi: sono nato nella pianura morava e correvo come una lepre per i lunghi solchi, levando le cornacchie crocidanti. Mi buttavo a pancia a terra, sradicavo una barbabietola e la rosicavo terrosa. Poi son venuto qui, ho tentato di addomesticarmi, ho imparato l'italiano, ho scelto gli amici fra i giovani più colti; ma presto devo tornare in patria perché qui sto molto male.

Ecco come scriveva Scipio Slataper, con la sua lingua antica illuminata da lampi di assoluta modernità, nemmeno fosse uno dei fiumi carsici della sua terra, acque che scorrono sotto, nascoste, raccolte, imprevedibili, e che poi all'improvviso vengono allo scoperto.

Scipio Slataper, di cui tanto tempo dopo, quasi fuori tempo massimo, mi è capitato di leggere Il mio Carso, pubblicato per la prima volta nel 1912 da La Voce di Firenze. E che in effetti non so nemmeno dire cosa sia - autobiografia per frammenti o altro? - così come non riesco a misurare il senso del secolo e passa che mi separa da questa scrittura - figurarsi, prima della Grande Guerra.

Lettura perfino faticosa, impervia, sempre a un passo dalla resa. Eppure con un fascino che resiste, che riesce a non dileguarsi. Sarà l'idea di questo intellettuale che sembra riassumere per intero la mia idea di Mitteleuropa. Sarà per il suo legame con un mondo scomparso, con una terra che è un lembo di geografia e allo stesso tempo un sogno dell'infanzia.

2 commenti:

  1. Grazie della informazione, leggendo il post mi ne rendo conto che è un libro che vale la pena leggere ,vado di corsa in libreria per acquistarlo.Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Grazie Anna, per queste tue parole... alla prossima!

    RispondiElimina