domenica 5 maggio 2013

Ascoltate, è ancora il tramonto

Ascoltate, è ancora il tramonto sul colle dell'Assekrem. Giallo, ocra, azzurro, oltremare, carminio. Cielo, terra, montagne e valli.

Tutto.
 

Ma giù nelle gole c'è già il crepuscolo e la notte. Rosa, terra bruciata, viola, nero. Il nulla laggiù.
 

L'aria è così limpida che l'increspatura dell'ultimo orizzonte potrebbe essere all'altro capo del mondo. 

Se la Terra fosse piatta. E il fondo della valle su cui sta poggiando la roccia dell'Assekrem, il centro della Terra. 

Se il cuore della Terra fosse freddo come i crepacci a quest'ora della sera.

(Maurizio Maggiani, incipit de Il viaggiatore notturno, Feltrinelli)

Nessun commento:

Posta un commento