sabato 6 aprile 2013

Parole sulla prima corsa del mondo

Non c’è dubbio, fu un evento. Quei 33 chilometri da Firenze a Pistoia a bordo dei velocipedi, la cavalcata dell’avvenire, segnarono il confine di una nuova epoca. Una svolta di cui i fiorentini, preoccupati ma incuriositi, furono testimoni. Una corsa che ha fatto la storia. A raccontarcela è Paolo Ciampi, giornalista e scrittore, ne La prima corsa del mondo, un libro a metà tra racconto storico e romanzo. Era il 2 febbraio 1870, e a dire il vero - ma c’è scritto anche nel libro - la Firenze-Pistoia fu “quasi” la prima corsa, non proprio la prima. Il racconto di Ciampi è leggero e veloce, come i velocipedi che alle 9 di mattina partirono da Porta al Prato verso il futuro, svegliati dallo squillo di tromba del Salvini, che aveva suonato anche le cariche di Garibaldi, chiamato a dare il via a quella lunga pedalata tra nebbia e fango. C’era gente ovunque lungo il percorso, un numero immenso, scrive Ciampi rileggendo le cronache di allora. C’è pure chi aveva scommesso. E l’ombra del doping. Ma ci sono soprattutto orgoglio e fatica, che dopo due ore e dodici minuti portarono l’americano Rynner Van Heste a tagliare per primo il traguardo. Il traguardo della storia.

(Da Giuseppe Calabrese, recensione su Repubblica a La prima corsa del mondo)

Nessun commento:

Posta un commento