giovedì 19 luglio 2012

La rivolta impossibile di Lucio Mastronardi

L'unico posto a Vigevano dove non si fabbricano scarpe è il carcere, lì si fabbricano penne a sfera.

Così scriveva della sua città Lucio Mastronardi, grande scrittore che ci siamo lasciati alle spalle come le stagioni che passano, coscienza inquieta e perdente di genio come quell'altro scrittore che a lui mi piace accostare, Luciano Bianciardi: entrambi uomini di provincia, entrambi condannati a raccontare un paese intero colto in un trapasso che sa di mutazione antropologica, entrambi capaci di dissipare con disinvoltura il proprio talento.

Di Mastronardi ho letto in altri anni Il maestro di Vigevano, storia di un maestro alle prese con un lavoro che conta sempre meno in un paese che, con il boom, pensa solo a produrre e arricchirsi. E' l'Italia della provincia grassa, delle fabbrichette che ingrossano i conti in banca e l'evasione fiscale, dei furbetti che sanno come funzionano le cose.

Oggi Vigevano non è più quella Vigevano, le fabbriche sono chiuse, le scarpe arrivano dalla Cina o dal Vietnam. Però le piaghe su cui Mastronardi metteva il dito ci sono ancora tutte: hanno a che vedere, per esempio, con un'Italia in cui la cultura vale sempre poco, forse ancora meno.

Lucio Mastronardi era uno scrittore che piaceva a gente come Eugenio Montale e Italo Calvino, ma era prima di tutto un maestro. Non ebbe vita facile e nel 1979 si suicidò, gettandosi nel suo Ticino. Da poco è uscito per Ediesse un libro che lo racconta, opera di Riccardo De Gennaro. Il sottotitolo dice già tutto: La rivolta impossibile.

Lo leggerò, sperando di ritrovarci le emozioni che a suo tempo mi destò la Vita agra di un anarchico, scritta da Pino Corrias per l'altro, per Luciano Bianciardi.


1 commento:

  1. Ci si trova,-per caso?-dopo anni a rivisitare e rivalutare scrittori e poeti lasciati a macerare nella polvere della memoria stinta.E si scopre che viviamo gli stessi problemi,gli stessi mali che loro avevano già visti,sollevati denunciati.Quasi un mondo immobile,ma non è così,immagino siano i cicli storici che mischiano nascondono e poi riportano tutto a galla,tutto il non disfatto,il non risolto.
    Penso anch'io a Masrtonardi e Bianciardi,critici autori del loro tempo,della loro provincialità,seri nelle analisi.E penso ad un'altro autore e cantore della provincia italiana,ancora nord,Piero Chiara.
    Fustigatore di costumi vizi e vizietti,non meno serio nelle denunce di costume,più che sociali,lo fa con leggerezza,mettendo "le birbe alla berlina",alla Giusti,sempre restando al nord.
    Le diverse voci della denuncia sociale ,della critica di costume,forse andrebbero spolverate,e grazie Paolo,che questo lo fai ogni giorno.Forse sono fuori tema..Ciao

    RispondiElimina