mercoledì 18 aprile 2012

La felicità a oltranza di Ugo Cornia

Forse più importante di quello che dice è come lo dice, con la sua parola sincera e stralunata, incline alla digressione e micidiale nel catturare le emozioni al volo. Mica poco. La differenza quasi sempre è tutta lì.

Mi piace Ugo Cornia. Mi piace questo volumetto che per me è stata un'altra bella sorpresa della Sellerio.

 Mi piace fin dal titolo: Sulla felicità a oltranza.

Proprio così: la felicità a oltranza è promessa di resistenza, possibilità di riscatto, sguardo rinfrancato, allegria di naufragi e biglietto staccato per una nuova partenza.

C'è il tempo che passa e tutto cancella, in questo libro, ci sono i cari che spariscono, lutti improvvisi e devastanti come colpi di mazzuolo. Però tutto questo non è solo occasione di pianto, perché dal dolore fiorisce la rinascita, dal distacco la sorpresa di una presenza rinnovata (che poi in effetti quello che è provato a esprimere anch'io in Una domenica come le altre). Voci, radici, incanti.

Quasi un'operetta morale, tonificante prima ancora che rassicurante, generosa di quell'energia che solo la magia della leggerezza può donare.

Nessun commento:

Posta un commento