domenica 4 dicembre 2011

Che fare, senza i barbari alle porte?

Tutto a un tratto perché questa inquietudine
e questa agitazione? (oh, come i visi si son fatti gravi).
Perché si svuotano le vie e le piazza
e tutti fanno ritorno a casa preoccupati?


Perché è già notte e i barbari non vengono.
E' arrivato qualcuno dai confini
a dire che i barbari non ce ne sono più.


Come faremo adesso senza i barbari?
Dopotutto, quella gente era una soluzione


Da Aspettando i barbari di Costantinos Kavafis (Settantacinque poesie, Einaudi)

Nessun commento:

Posta un commento