lunedì 20 giugno 2011

Se anche Franzen non ce la fa con La Recherche

Se anche Jonathan Franzen non ce l'ha fatta con Marcel Proust, forse possiamo tutti essere più sereni: abbandoniamo ogni senso di colpa per non aver finito e a volte nemmeno cominiciato uno dei capolavori più citati e mi sa anche meno esplorati della letteratura moderna.

Perchè è così, dici La Recherche e vai in confusione. Arrossisci e provi a dileguarti dalla domanda con qualche frasetta di circostanza. Ma tu l'hai letta? Fossero tutti sinceri con se stessi e con il prossimo, ammettendo la propria ignoranza, magari rivendicandola.

C'è anche chi rivendica letture remote, parziali, rabdomantiche, frettolose (con La recherche?), ma sempre con qualche imbarazzo, perché Proust, si sa, è Proust.

Afferma Angelo Aquaro su Repubblica, a proposito dell'outing di Jonathan Franzen:

L'opera di Marcel Proust incute un rispetto così sacrale che perfino i più grandi ci si rapportano con lo stesso senso di colpevole inadeguatezza che attanaglia il comune lettore

Sarà per questo che il grande Franzen subito dopo l'outing si è lasciato andare a una mezza sorpresa? Ancora no, però questa estate, sapete, magari sarà la volta buona.

3 commenti:

  1. io ho letto proust per uno dei miei corsi di laurea, ma non sono mai riuscita a finire la recherche, non si può che leggerla a spizzichi e bocconi, non c'è da sentirsi troppo in colpa in fin dei conti :)

    RispondiElimina
  2. Non ho mai letto questo trattato e non me ne vergogno. Ho letto altri libri. Di che cosa parla, nel concreto?

    RispondiElimina
  3. ...CASUALMENTE e ribadisco CASUALMENTE io e il mio collega di lingua inglese ci siamo scambiati le parti lui 3 libro della Recherche in francese e io Freedom in inglese...spettacolo e non ce ne vergognamo e ci siamo trovati a leggere durante lo svolgimento di quello schifo di prove Invalsi per le terze medie, ci siamo sorrisi e vediamo che finisce prima. Ho il sospetto che Marcel e Jonathan se si potessero conoscere avrebbero da dirsi parecchio ma... questioni di "tempo" appunto quello "perdu".

    RispondiElimina