domenica 13 marzo 2011

Il Giappone devastato e la spiaggia del poeta

Tempesta: tegole, tetti che si sollevano,
che spariscono in un attimo.


Rocce rotolano, montagne
inghiottono villaggi,
mentre insetti e uccelli cantano
presso il ponte crollato.


Gli uomini si lanciano nello spazio,
la razza umana è valida. Alla TV le nazioni
si criticano l'un l'altra, senza fine.
Perché questa confusione,
come riparare il corpo
straziato dal mondo?

(La spiaggia, di Shinkichi Takahashi, trovata su una vecchia raccolta di poesia giapponese della Newton Compton)

1 commento: