lunedì 24 gennaio 2011

Disattenzione vietata con la grande Wislawa

Lo sapete, la sua poesia mi piace molto. Cito spesso Wislawa Szymborska, anche perchè con i suoi versi ci porge un grande dono, il senso dell'attenzione, la sua necessità. Attenzione che è rispetto, capacità di ascolto, gratitudine. Profondità, anche. Credo che la poesia sia in primo luogo questo: dare valore a ciò che rischia di scivolare via in quanto irrilevante. Come nell'inizio di questa poesia, vero e proprio manifesto contro la disattenzione (da La gioia di scrivere, Adelphi)

Ieri mi sono comportata male nel cosmo.
Ho passato tutto il giorno senza fare domande,
senza stupirmi di niente.


Ho svolto attività quotidiane,
come se ciò fosse tutto il dovuto.


Inspirazione, espirazione, un passo dopo l'altro, incombenze, 
ma senza un pensiero che andasse più in là
dell'uscire di casa e del tornarmene a casa.


Il mondo avrebbe potuto esser preso per un mondo folle,
e io l'ho preso solo per uso ordinario.

1 commento: