venerdì 6 agosto 2010

Campana a morto per la cara vecchia libreria?

Era piuttosto inquietante, e anche triste, la notizia pubblicata ieri su Repubblica, sulla crisi della Barnes & Noble, la grande catena di librerie americane – un gigante assoluto del settore – messo in ginocchio dall'eBook. Brutta notizia, almeno per chi crede nel valore delle librerie.

Campana a morto per le care vecchie librerie?

Così sembrerebbe a considerare la storia di questo gigante, senza dimenticare tutto quello che in questa estate si sta sentendo a proposito di libri digitali e dintorni.

Ma insomma, a leggere meglio e fino in fondo, non dobbiamo deprimerci troppo. E non solo perché la crisi delle librerie non è crisi di lettori. In realtà anche in America pare che a entrare in crisi siano stati  i grandi magazzini del libro. Pare che anzi si stiano aprendo nuove opportunità per le librerie indipendenti, magari dove non ci sono mai state: e questa è davvero una bella notizia.

Nuove idee di librerie, che non solo scaffali per librerie in vendita. Che si fanno forti del rapporto diretto, ravvicinato, imperniato sulla competenza e la fiducia.

Ma la cosa più bella è che sono proprio le nuove tecnologie a dare una mano alla cara vecchia libreria. E così Angelo Aquaro conclude il suo pezzo da New York:

Su quell'iPhone da cui puoi scaricare tutti gli eBook del mondo, uno di quegli apparecchi che dovrebbe segnare la fine del libro, è comparsa un'applicazione che sia chiama “IndieBound”: e ti aiuta a trovare le librerie indipendenti più vicine. Dove un libraio gentile ti spiegherà che sì, va bene l'ultimo di Nora Roberts, ma se cerchi una bella storia d'amore...

6 commenti:

  1. Dici bene: la crisi della libreria non è la crisi dei lettori.
    E penso sia anche giunto il momento che le librerie, gli editori e tutto l'apparato editoria rifletta su che cosa propina al suo pubblico. Che scelte compie. La gente non è stupida, men che meno disaffezionata alla letteratura.
    Semplicemente non è cieca.

    RispondiElimina
  2. Si dice di tutto e di più (e di troppo, come sempre) sull'ebook e il futuro dell'editoria - e della lettura - ma una cosa con cui sono d'accordo, forse per ottimismo, è che probabilmente emergerà di nuovo la qualità, l'editore-artigiano attento ai contenuti e che avrà appreso bene come elaborare un buon libro.
    Forse le grandi librerie andranno in crisi, ma è anche possibile che il libro cartaceo poco a poco diventerà come ora è il vinile nell'era del cd, una cosa per amatori, un po' nostalgici un po' feticisti, che si rivolgeranno a piccole librerie di nicchia. E l'editore intelligente riserverà a questa nicchia sempre qualcosa di interessante.
    Se vi può interessare, ho detto anche io la mia sull'argomento su http://checifaccioqui.wordpress.com/2010/08/03/verra-la-morte-del-libro-e-avra-i-tuoi-chip-2/

    RispondiElimina
  3. Forse può interessare questo: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/non-fate-il-funerale-ai-libri/2132084

    RispondiElimina
  4. Sono piuttosto d'accordo con Checifaccioqui (a proposito, c'entrra qualcosa Bruce Chatwin?) e aggiungo quello che ho scritto nella discussione che è partita su Fb...


    Non credo al tutto o niente, non mi piace il no pasaran ma nemmeno la resa incondizionata. Non rinuncerò mai a leggere al libro di carta se si tratta di un bel romanzo, ma se devo consultare un testo per lavoro, perché no l'eBook? Però i problemi ci sono:
    In primo luogo come si regolerà il diritto di autore? Solita pirateria, tanto chi scrive o traduce vive d'aria? E i profitti a coloro che hanno le tecnologie?
    E in secondo luogo, siamo sicuri che l'eBook si traduce automaticamente in più democrazia e pluralismo e trasparenza e tutto il resto? Ci sono segnali che vanno direttamente in senso contrario.
    E in terzo luogo, siamo sicuri che sia un bel risultato rinunciare alle librerie come spazio di socialità e incontro e al libraio come interlocutore?
    Non dico che debba essere per forza così, dico che le cose sono più complicate

    RispondiElimina
  5. bruce nn c'entra...ma volete mettere incontrare qualcuno in libreria che cerca il tuo stesso libro...

    RispondiElimina
  6. davvero, quante cose che possono succedere in libreria... viaggi importanti anche tra gli scaffali... consigliati!

    RispondiElimina